Giugno 18, 2022
Disgrafia: guida completa per i genitori

La Disgrafia è uno dei quattro disturbi specifici dell’apprendimento e viene definito dalla difficoltà nel riprodurre i segni alfabetici e/o quelli numerici. Breve infarinatura sui segnali, i tipi di trattamento e la diagnosi.

Indice:

  • Cos’è la disgrafia
  • I segnali della disgrafia
  • Chi può fare la diagnosi
  • Quando si può fare una diagnosi
  • Come trattare un bambino disgrafico

 

Cos’è la disgrafia

La disgrafia è l’incapacità o maldestrezza nel realizzare il gesto grafico, collegata alla difficoltà nel dosare la pressione per tracciare i segni sul foglio, controllare la dimensione e la grandezza delle lettere, a coordinare il segno grafico in modo armonico. La scrittura risulta quindi disordinata, difficilmente leggibile e poco chiara.

Si tratta di un disturbo non verbale che si differenzia dalla disortografia: la disortografia coinvolge la componente linguistica, non grafica.Nel processo di scrittura ci sono diverse componenti che entrano in gioco:

  • Coordinazione occhio-mano
  • Rapidità motoria
  • Abilità motorie, come il pattern grafo-motorio, ovvero i movimenti svolti quando si scrive
  • Capacità visuospaziali

 

I segnali della disgrafia

  • Difficoltà nel ricopiare alla lavagna
  • Mancato rispetto delle linee dei margini
  • Lettere e parole disallineate
  • Lettere di dimensioni differenti
  • Eccessiva pressione sul foglio
  • Interruzioni del tratto
  • Variabilità nella distanza tra le parole
  • Sovrapposizione tra le lettere
  • Impugnatura scorretta della penna
  • Lentezza nello scrivere

Un campanello d’allarme da considerare può essere anche che altri membri della famiglia abbiano avuto precedenti difficoltà di linguaggio o disturbi dell’apprendimento.

 

Chi può fare la diagnosi

Può essere rilasciata solo da uno Psicologo o da un Neuropsichiatra infantile (professionisti del Servizio Sanitario Nazionale o da professionisti privati), a seguito di un iter valutativo e multidisciplinare che prevede la partecipazione di diverse figure professionali (principalmente Logopedista e  Optometrista).

 

Quando si può fare una diagnosi?

La diagnosi di disgrafia può essere fatta solo alla fine della seconda elementare. Una diagnosi precoce, in caso di dubbio per bambini minori di 7 anni, non è da escludere soprattutto se in presenza di altri indicatori diagnostici. Nel caso il bambino risultasse “a rischio”, si potrà intervenire subito con la logopedia e/o con altri interventi di recupero che aiuteranno a migliorare rispetto alle difficoltà riscontrate.

 

Come trattare un bambino disgrafico

La disgrafia viene trattata attraverso percorso con il logopedista. Il trattamento è fatto di diversi esercizi che possono includere esercizi per rafforzare il tono muscolare, migliorare la destrezza e la coordinazione occhio-mano, e di controllo della scrittura. Possono anche essere previsti trattamenti riguardanti esercizi di memoria o neuropsicologici. 

Prenota una visita logopedica: Logopedia

Disgrafia e trattamento Logopedico in Kairas

In Kairas il nostro team di Logopedia è specializzato nel trattamento dei disturbi dell’apprendimento (come letto-scrittura, calcolo, attenzione). I nostri specialisti si occuperanno di trattare il tuo bambino con un percorso (mono o bisettimanale) composto da una seduta anamnestica, un percorso di valutazione e individuazione del problema ed infine la terapia.

by nicolaberti
Chi siamo
Il primo Centro Medico e Odontoiatrico a San Zenone degli Ezzelini specializzato nella cura globale e biointegrata della persona.
Iscriviti alla newsletter
Seguici sui social
Segui il nostro Instagram
Articoli più recenti
Precedente
Successivo